Cookie Policy

La Sedia Swing

La prima sedia a dondolo da regista

La Sedia Swing

Mi chiamo Swing

Mi chiamo Swing e ho una storia da raccontarvi. Sono nata a cavallo tra due continenti e due stili che si sono fusi creando qualcosa di unico.

Era il 1993 quando Giovanni D’Oria, passeggiando per la piazza di Limon, unica città portuale sulla costa atlantica del Costa Rica, vide un anziano venditore dal sorriso aperto che lo intratteneva cercando di vendergli una sedia. “Io provengo dal Friuli, la regione delle sedie” gli disse Giovanni scherzando.

Ma dopo mezz’ora di chiacchiere e battute il mercante continuava a insistere finché Giovanni cedette. Si sedette su qualcosa di spartano, assemblato con catenelle, legno e stoffa. Ma quell’oggetto, dal sapore coloniale e vissuto, a metà strada tra una sedia da regista e una a dondolo, aveva qualcosa di speciale. Aveva un’anima.

Improvvisamente il tempo e lo spazio si fermarono. Giovanni lo guardò stupito e gli disse: “Te la compro!”.

Quel dondolio che accarezzava i pensieri e la comodità della seduta riuscirono a rapirlo e farlo innamorare. Giovanni prese la sedia dalle mani dell’anziano commerciante che l’aveva attirato con la sua grazia e simpatia, lo guardò dritto negli occhi, gli diede un giusto compenso e lo salutò dicendo: “Un giorno renderò famosa questa sedia nel mondo”.

Giovanni lasciò il paese della pace e dei colori, della fauna selvatica e dei visi mansueti e cordiali. Salì la scaletta dell’aereo che lo riportava a casa. Destinazione Udine. La sedia del mercante superò un oceano e finì a migliaia di chilometri di distanza, lassù a Nordest dell’Italia dove fu riassemblata. Udine la accolse e Giovanni spesso si lasciava scivolare e coccolare da quel pezzo di mondo.

Trascorsero vent’anni. Di pensieri e desideri, vita vissuta e impegni finché un mattino di primavera Giovanni decise che era arrivato il gran giorno, quello di dare una nuova vita alla sedia che cullava i suoi pensieri e la sua creatività. Cominciò a lavorare al progetto nei ritagli di tempo, quelli che avanzano dai mille impegni quotidiani.

Nel 2013, in tre mesi, nacque Swing. Ognuna diversa, nei dettagli e nelle rifiniture, nei colori e nei tessuti. Ciascuna con la propria storia fatta di preparazione e abilità artigianali del territorio friulano.

Nel 2015 Swing venne esposta, assieme ad altri pezzi di design regionale, in Piazza Matteotti, il cuore della bella e storica città di Udine. Due ragazzi arrivati in città per una rassegna cinematografica internazionale osservarono la creazione di Giovanni D’Oria e se la portarono a Venezia per la Mostra del Cinema. Fu un successo.

La sua seduta ha ospitato volti e menti del grande schermo: da Mel Gibson a Monica Bellucci, da Denzel Washington a Benedetta Argentieri.

La sedia a dondolo, inventata da Benjamin Franklin, che permette un movimento oscillatorio grazie ai due archi posti alla base, si è incorporata a quella da regista, nata all’epoca degli antichi egizi a opera di un ignoto artigiano e poi esplosa ad Hollywood grazie ai maestri del cinema. Un mix di storia e creatività che hanno dato vita a Swing, un elemento di design funzionale che arreda con stile e personalità. Con Swing puoi fermare il tempo e far emergere la leggerezza mentre lo scorrere frenetico della vita ti circonda.

Swing ora è tua. Goditela!

Perchè Swing è una sedia speciale

  • Realizzata in legno di faggio massiccio. Pesa 8 kg.
  • Misure della sedia personalizzate con seduta adatta anche a persone extra-large.
  • Richiudibile, quindi adatta all’uso temporaneo o al trasporto da una casa all’altra.
  • Laccatura resistente al sole – stessa vernice utilizzata per gli infissi.
  • Possibilità di cambiare la seduta, rendendo la tua sedia da “interno” a sedia “estiva” da veranda o giardino.
  • Le sedute in tela sono lavabili a 40°
  • Le sedute sono dotate di tela portante per sostenere qualsiasi peso e conservare la tela intatta.
  • Personalizzabile con tele che il cliente ci può inviare a sua scelta con solo un metro quadrato di tela.
  • Comodo appoggio delle braccia largo 6 cm diversamente dalle altre che normalmente sono solo di 4 cm.
  • Cerniere galvanizzate (la galvanizzazione protegge dalla corrosione).
  • Lo schienale e la seduta sono personalizzati con svariate combinazioni di colori e possono essere serigrafati con un nome o il logo della vostra azienda.

 

Accessori

Il prodotto che riceverai sarà composto da solido telaio e tela come da te scelto.

TELA DI RICAMBIO: Potrai ordinare anche altre sedute/tela per cambiare la tua SWING a piacimento.

SACCA PORTA RIVISTE: Inoltre per viverla nel suo pieno relax ogni sedia può essere dotata di sacca laterale con il colore stesso della seduta o altro a piacimento

TELA IMBOTTITA: Invece della classica seduta scegliendo la seduta imbottita la SWING diventerà la tua poltrona preferita.

SCEGLI TELA PVC: Più adatta per l’esterno in quanto non assorbe i liquidi e si pulisce facilmente.

Sei interessato a collaborare con Swing Design?

Collabora con noi